Premi enter per cercare or ESC to uscire

Descrizione del progetto

Il progetto ha come target principale la popolazione minorile e giovanile in conflitto con la legge e sottoposta a misure cautelari, e gli operatori socioeducativi e di giustizia che operano nell’ambito penale minorile. La maggior parte dei giovani detenuti è in attesa di sentenza, e la detenzione preventiva è diventata una pratica largamente utilizzata, pur se in palese violazione del principio della presunzione di innocenza.

In Bolivia la popolazione minorile e giovanile (16-21 anni) sottoposta a misure cautelari, conta 1.900 adolescenti e giovani, di cui 1.710 maschi e 190 femmine ospitati nei 17 istituti penitenziari del Paese. I minori e giovani infrattori subiscono tutta la precarietà del funzionamento dell’attuale sistema di giustizia minorile. Il 92% dei giovani è in attesa di sentenza e trascorrono anni in carcereprima di un regolare processo. 

La sfida è quindi supportare le istituzioni pubbliche e la società civile boliviana nella implementazione del Codice, accompagnando la creazione del Sistema Penale per Adolescenti (SPA), formando gli operatori di giustizia e socio-educativi, definendo e certificando i curricula formativi, accompagnando l’elaborazione dei protocolli attuativi della riforma. Il progetto ha diffuso le buone pratiche sperimentate nel Centro Qalauma in materia di giustizia riparativa, di reinserimento sociale e di assistenza legale. Si stanno inoltre assistendo tecnicamente diverse regioni del Paese nello sviluppo di buone pratiche.

Finanziatori: Ministero Affari Esteri Italiano

0
Giovani reclusi beneficiati
0
Operatori di giustizia formati
0
Adolescenti reclusi beneficiati direttamente
Torna ai progetti
Dona ora