Premi enter per cercare or ESC to uscire

Riapre la scuola di Namaacha. Si torna a sognare

Dopo 30 anni, 120 ragazzi e ragazze mozambicani tornano a sognare, crescere e formarsi per il futuro.

I battenti della Escol a Profissional Agropecuaria di Namaacha della Diocesi di Maputo, in Mozambico, erano chiusi dai tempi della guerra civile, il più lungo conflitto della storia dell’Africa (1977-1994). Ma molti ricordi legati alle strutture, sia della scuola sia dell’azienda agraria annessa, si sono tramandati nella popolazione e soprattutto nella diocesi: il seminario, limitrofo agli edifici abbandonati della scuola, conserva memorie e documentazione, alimentando le fantasie sull’epoca passata. Ma ora il sogno della riapertura, cullato a lungo, è finalmente diventato realtà.

Il 20 dicembre, al termine dell’anno scolastico 2019, è stata celebrata la festa dell’apertura ufficiale, alla presenza del vescovo e delle principali autorità locali e istituzionali. 
Grazie al progetto “Lavorare per crescere" che punta al rafforzamento della formazione tecnico professionale di corta e lunga durata, promuovendo maggiori opportunità di impiego dignitoso in particolare per i giovani, Progettomondo.Mlal, in stretta collaborazione con Ipsia, ha potuto ristrutturare edifici, costruire i nuovi interrati e la mensa scolastica, per ospitare in permanenza circa 120 ragazze e ragazzi, oltre al personale insegnante.
Al di là delle opere civili e della fornitura di attrezzature, della selezione e formazione dei docenti, dell’organizzazione del piano educativo attraverso l’elaborazione dei curricula didattici e l’implementazione dei  corsi nell’ambito di una programmazione riconosciuta e certificata dal ministero (MINED), l’azione mira soprattutto a formare nella pratica gli studenti con un’accurata co-gestione aziendale di tecnici/insegnanti/allievi, esperienze di accompagnamento, sperimentazione, riorganizzazione delle attività produttive, analisi dei business plan delle diverse produzioni orticole, agricole e di allevamento, e l’utilizzo dei prodotti raccolti tanto per l’autoconsumo a scuola quanto per la vendita nei mercati locali.
Con l’inaugurazione anche di uno Sportello di orientamento lavorativo, in collaborazione a livello locale con varie aziende private di produzione,  trasformazione e commercializzazione impegnate in diverse filiere agricole, dove si realizzano tirocini e stage, si mira a rendere pertinente e a creare affinità e sinergie tra l’ambito della formazione e il mondo del lavoro.
Una particolarità del progetto riguarda infine la comunità e le famiglie: molti corsi brevi sono offerti alla popolazione adulta, con la possibilità di replicare e attuare a casa quanto appreso in aula ed essere perfino seguiti e monitorati dagli stessi docenti, che possono apprezzare, verificare e correggere le nuove attività  avviate a livello domestico.


Dona ora
Dona ora