Premi enter per cercare or ESC to uscire

Mozambico, i detenuti lavorano la terra

Diritti umani e giovani. Questi i principali ambiti di intervento di Progettomondo.mlal in Mozambico che ha puntato l'attenzione, fin dall'inizio del suo impegno nel Paese, sulla formazione e il recupero sociale dei detenuti, in particolare dei minori, coinvolgendo al contempo le istituzioni e le comunità di origine dei giovani trasgressori.
Nel corso degli anni il nostro intervento ha allargato il raggio d'azione nelle zone a sud del Mozambico, per promuovere la formazione tecnico professionale e quella più specifica in pratiche agricole di tipo naturale. Dopo aver formato oltre 2000 contadini nei distretti di Boane e Namaacha nell’ambito del progetto affidato per la “Prevenzione e risposta ai cambiamenti climatici”, nella Provincia di Maputo, simili attività e corsi formativi sono stati diffusi anche tra i detenuti del carcere minorile di Boane e ai suoi funzionari.
In questi ultimi mesi, con l’organizzazione locale Africarte e in partnership con Cospe e Gvc, sono quindi state eseguite attività di formazione in tecniche di agricoltura naturale per la realizzazione di orti sui terreni della struttura penitenziaria. In questo modo sono stati formati circa 20 detenuti e 5 guardie carcerarie, i quali hanno già creato gli spazi per la produzione di ortaggi da destinare all’alimentazione degli stessi detenuti. Pomodori, cipolle, carote, cavoli, insalate, basilico, peperoni e alcune varietà locali, fra pochi mesi saranno sulle tavole di tutti i 150 detenuti del carcere minorile di Boane, per migliorarne la dieta e per dare loro una possibilità di apprendere nuove forme per vivere e ridurre in qualche modo la recidiva che per i minori è molto alta. Il tutto secondo metodi naturali senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti chimici e con l’obiettivo di rendere queste attività produttive sostenibili e durature. Un valido esempio per i giovani detenuti su come la vita possa essere migliore anche grazie a una zappa in mano, e a contatto con la terra.

Francesco Margara,
cooperante Progettomondo.mlal Mozambico


Dona ora
Dona ora