Premi enter per cercare or ESC to uscire

Ivana, il salto alla Focsiv

La nostra Ivana Borsotto, già vicepresidente di Progettomondo e storica volontaria dell'Ong ormai da oltre vent'anni, è la nuova presidente della Focsiv.

Progettomondo è storicamente socio della Federazione italiana che riunisce gli Organismi Cristiani di Servizio Internazionale Volontariato. Ora, la presenza di Ivana Borsotto ai vertici della Federazione, consoliderà ulteriormente un rapporto già stretto.

Progettomondo mi ha permesso di conoscere a fondo la cooperazione allo sviluppo, il mondo delle Ong, le loro fatiche e le loro potenzialità”, dichiara la neopresidente Focsiv, originaria di Fossano, nella provincia di Cuneo. “Credo che potrà continuare a dare un grande contributo per il rinnovamento della Focsiv e per la sua apertura a una maggiore partecipazione, collegialità e responsabilizzazione di ciascuna delle ONG che la costituiscono. Il mio impegno in Progettomondo, per forza di cose dovrà ridursi, ma certamente non si interromperà perché ciò che intendo portare alla Focsiv è proprio la serietà dell'Ong, la sua capacità organizzativa e la sua attitudine a interrogarsi sul senso del lavoro svolto, cercando il giusto equilibrio tra professionalità, competenza, scelta di vita e volontariato”.

Prima di approdare a Progettomondo, nel 1999, Ivana è stata impegnata nella GIOC – Gioventù Operaia Cristiana, volontaria nel carcere di Fossano, Consigliera Comunale e vicepresidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Fossano e Presidente del Consorzio Monviso Solidale. Dal 1989 al 2000, ha lavorato nella Cooperativa sociale O.r.so di Torino, come progettista nel campo delle politiche locali del lavoro.
Ora la nuova sfida la vede ai vertici della Focsiv, affiancata dal vicepresidente Nino Santomartino, riconfermato nel suo ruolo.

La carica durerà quattro anni, lasso di tempo durante cui la Borsotto punta a “valorizzare la partecipazione e la varietà delle realtà associate e il ruolo delle donne, che sono una presenza ampia e significativa nella cooperazione e nella solidarietà”.

Ha detto la neoeletta durante le elezioni online che si sono svolte sabato: “Per esprimere come vorremo orientare il nostro lavoro riporto le parole, alle quali mi ispiro, di Santa Teresa di Lisieux “Noi non contiamo niente, ma dobbiamo operare come se tutto dipendesse da noi”. Questa la nostra responsabilità, questo è l’orizzonte verso cui continuare il nostro cammino.”

E ha concluso: “La FOCSIV e le ONG e gli Organismi che ne fanno parte devono ancora migliorare e rinnovarsi per essere all’altezza dei tempi. Tempi che ci interrogano e ci mettono alla prova, nel nostro modo di lavorare, nel valorizzare i nostri volontari, nel rispondere alle esigenze di ogni associato e nel promuoverne la collaborazione e la responsabilizzazione, nella comunicazione, nell’estendere e rafforzare le nostre relazioni sociali e istituzionali, in un cammino condiviso con donne e uomini di mille comunità. Perché ciascuno di noi possa contare di più nella lotta contro la povertà e l’ineguaglianza, nella lotta per i diritti umani e sociali, per la giustizia e per il lavoro e la sua dignità. E per essere in grado di rispondere anche alle sfide che la pandemia ci pone e ci porrà sia in Italia come in tutto il mondo”.


Dona ora
Dona ora