Premi enter per cercare or ESC to uscire

Haiti risponde alla chiamata degli artisti

È intorno allo slogan "Lage pye w", “Vattene”, che centinaia di migliaia di persone hanno marciato nella capitale di Haiti, Port-au-Prince, domenica 13 ottobre 2019.
La popolazione ha infatti risposto affermativamente alla chiamata di un collettivo di artisti e intellettuali che hanno invitato a marciare pacificamente nella capitale per chiedere, ancora una volta, le dimissioni del capo dello Stato.

Vestiti di bianco, cartelloni in mano, i manifestanti si dicono pronti a non abbandonare le proteste fino a quando il presidente, eletto nel 2017 e destinato a un mandato di cinque anni, non presenterà le sue dimissioni.
Siamo a cinque settimane di manifestazioni in tutto il Paese per chiedere l’allontanamento di Jovenel Moïse che, dal canto suo, non indente dimettersi e invita gli attori al dialogo. I settori chiave del Paese hanno già respinto questo nuovo invito alla concertazione. Per loro, la risoluzione della crisi inizia con la partenza incondizionata di Moise, accusato in particolare di corruzione e incompetenza.
"Ci rivolgiamo a lei, signor Presidente della Repubblica, affinché riconosca la bancarotta della sua gestione negli affari pubblici e per chiederle di consegnare le proprie dimissioni alla nazione", hanno scritto in una nota oltre un centinaio di realtà sociali, politiche ed economiche di Haiti. "Il governo ha perso il controllo dell'apparato statale".

Gia da fine settembre le proteste, che si susseguono ormai da mesi, hanno iniziato a farsi sempre più pressanti. La gente è messa in ginocchio dall'inflazione e chiede indagini per fare chiarezza su fondi destinati alla previdenza sociale che sembrano essere stati indirizzati a un piano petrolifero con il Venezuela.

Gli operatori di Progettomondo.mlal e CISV, naturalmente, restano in prima linea, a fianco della popolazione haitiana, anche durante questa ennesima crisi, con progetti di dialogo tra la società civile e le autorità locali, di protezione dell'infanzia e di sicurezza alimentare e nutrizionale.
 


Dona ora
Dona ora