Guardare un film è guardarsi in un film

I bambini e i ragazzi di oggi sono immersi quotidianamente in un mondo di immagini, a cui non sempre riescono a guardare con spirito critico. Fondamentale quindi diventa riuscire a sfruttare le potenzialità dei linguaggi audiovisivi, vicini agli interessi e agli stili cognitivi dei ragazzi, per promuovere percorsi che rappresentino una valida occasione formativa.

È questo lo spirito con cui la nostra Ong, tra gli organizzatori del Festival del Cinema Africano di Verona, quest'anno si rivolgerà a più di 2.500 studenti scaligeri, e ad altri 4.500 di 20 comuni della provincia.

I 14 film destinati al pubblico più giovane, dalle primarie fino agli istituti superiori, saranno supportati dalla presenza di esperti, critici, registi oltre che, naturalmente, dai volontari del Festival e da ProgettoMondo Mlal, per curare l'aspetto formativo e didattico.
“Il cinema rappresenta un importante strumento di conoscenza della realtà, che mira a stimolare uno sguardo più attento, ad affinare il gusto estetico, a promuovere il senso critico, a favorire le possibilità di dialogo e confronto”, evidenzia la responsabile dell'ufficio Educazione di ProgettoMondo Mlal, Rossella Lomuscio. “Guardare un film è sempre guardarsi in un film. Sullo schermo vediamo riflesse le nostre storie personali e collettive, le nostre città, le nostre esperienze e gli stati d’animo che le accompagnano.
Il cinema può quindi diventare lo strumento ambivalente, lo sguardo che stimola l’introspezione e la ricerca, la discussione collettiva, l’occhio che guarda da lontano per conoscere e capire. E il nostro compito è proprio questo: promuovere la formazione di una nuova generazione di spettatori consapevoli e appassionati”.

A formare la giuria degli studenti quest'anno saranno nove allievi di diverse classi del Liceo “Carlo Montanari”. I giovani, già selezionati e formati, guarderanno tutti i film in programma per le scuole e decreteranno poi chi, secondo la loro opinione, meriterà la vittoria.

Tutti gli studenti sono però coinvolti e potranno esprimere il proprio parere per il premio “New Generation”.

Le proiezioni per le scuole veronesi prenderanno il via la mattina di sabato 4 novembre alle Stimate e proseguiranno fino all’11 novembre. In provincia, invece, sale e aule magne di 20 comuni del territorio si riempiranno dal 13 novembre al 3 dicembre.


Dona ora
Dona ora