Premi enter per cercare or ESC to uscire

Curare l’ambiente per abbattere le diseguaglianze

Prendersi cura dell’ambiente per superare le diseguaglianze sociali. Ne sono convinti i giovani del liceo Galilei di Verona che, domenica 9 giugno, si sono dotati di sacchi e ramazze per dare una pulita di fondo ad alcuni parchi del quartiere Golosine.
Dicono i giovani: “Abitiamo una Terra ferita, che necessita di aiuto e di cure da parte di tutti indipendentemente dall’origine, dal ruolo e dall’estrazione sociale, dalle abilità fisiche, dal genere. Questo ci permette di essere tutti uguali in questa grande sfida”.
 

Dopo il ritrovo in piazza Brodolini, e per tutta la mattina il gruppo di 12 ragazzi e ragazze di terza, quarta e quinta si sono sporcati le mani per una Giornata Ecologica in compagnia.

L’opportunità è stata creata dalle attività del programma di global education “Start The Change!” promosso in Italia da Progettomondo.mlal per rendere i cittadini più informati e consapevoli sull’importanza di un impegno comune mirato allo sviluppo globale, a promuovere il benessere umano e a proteggere l’ambiente.

“È da novembre che gli studenti partecipano attivamente al progetto riunendosi ogni giovedì pomeriggio”, spiega Cristina Porello, la responsabile delle attività per Progettomondo.mlal. “Nel corso degli incontri, dopo aver approfondito gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile legati alle tematiche migratorie, i ragazzi hanno deciso di concentrarsi sull’obiettivo 15, La vita sulla Terra, e sul 10, ossia Ridurre le disuguaglianze. Poi, in occasione dell’assemblea di istituto di aprile, hanno proposto delle attività ludico educative sulle tematiche trattate e approfondite, per arrivare infine a organizzare una pulizia di alcuni parchi del quartiere Golosine”.

La scelta di quest’azione è nata da una riflessione che i ragazzi hanno fatto in gruppo, individuando nella cura dell’ambiente una possibile strada per superare le disuguaglianze sociali.
Dichiara Alessandro, che ha 16 anni: “Partecipare a Start the Change per me significa mettere le mani nella sporca realtà per ridarle un riflesso nuovo, lucente, che indica al futuro, verso integrazione, sensibilizzazione e potenziamento del pensiero critico”.

L’evento è stato patrocinato dalla Quarta Circoscrizione del Comune di Verona ed è organizzato in collaborazione con lo “Spazio di Quartiere ABC” di piazza Giacomo Brodolini, un progetto della Cooperativa Azalea.


Dona ora
Dona ora